uovo con auguri di buona pasqua

È la festa più importante per i cristiani e significa etimologicamente passaggio. La data è mobile perché dipende dal plenilunio di primavera mentre l’origine è legata al mondo ebraico. In particolare alla festa di Pesach, durante la quale si celebrava il passaggio di Israele attraverso il mar Rosso, dalla schiavitù d’Egitto alla libertà.

Tra le tante usanze legate a questa importante festività, spicca senza dubbio quella delle uova decorate.

Tale tradizione risale già ai primi cristiani che le pitturavano di rosso, per ricordare il sangue di Cristo, decorandole con croci o altri simboli. Tutt’ora praticata nei paesi ortodossi e cristiano-orientali.

La simbologia dell’uovo è evidente: dall’uovo nasce la vita, associata con la rinascita del Cristo e quindi con la Pasqua.

Tuttavia, secondo questa simbologia le uova decorate sarebbero andate bene anche per il Natale, in occasione della nascita di Cristo. In realtà, alcuni studi sostengono che la tradizione venne rafforzata da un’usanza tipicamente pasquale: la Quaresima.

Durante questo periodo di quaranta giorni prima della Pasqua, i credenti si impegnano al digiuno e all’astinenza ed è vietato mangiare carne.

In passato, e tuttora nelle chiese cristiane orientali, era vietato mangiare anche le uova. Era difficile però costringere le galline a non deporle, infatti in quel periodo, i primi cristiani si trovavano con un surplus.
Dalla necessità di utilizzarle, sarebbe nata la tradizione di bollirle fino a farle diventare dure come sassi e poi dipingerle con colori sacri e simbolici.

Per approfondire: Pasqua, dalle origini alla data mobile: le cose da sapere

Buona Pasqua a tutti i nostri lettori!

Di Claudio Bollentini

Presidente di Monastica Novaliciensia Sancti Benedicti - https://www.linkedin.com/in/claudiobollentini/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.