corona dell'avvento con 4 candele rosse

La Prima Domenica d’Avvento, per tradizione sulle tavole di molte famiglie vengono poste le tradizionali “corone”.

Ma cosa rappresentano questi ornamenti e qual è la loro storia?

Le “corone dell’Avvento” hanno forma circolare, che vuol simboleggiare l’eternità e sono rivestite da rami verdi, che rappresentano la speranza e la vita. Tra di essi vengono collocate quattro candele, che simboleggiano la luce in mezzo alle tenebre. Esse si accendono una per volta durante le quattro domeniche dell’Avvento.

I primi ad utilizzare queste corone sono stati i cattolici tedeschi nel XVI secolo, con lo scopo di rappresentare Gesù, che è la luce venuta nel mondo.

Quest’usanza, molto diffusa nei Paesi Nordici, si divulgò in tutto il nostro continente ed in molte parti del mondo a partire dal secondo dopoguerra.

Le quattro candele hanno un nome ed un significato particolari:

  • la prima è detta “del Profeta”, poiché ricorda il profeta Michea, il quale aveva predetto che il Messia sarebbe nato a Betlemme. Simboleggia la speranza;
  • a seconda è detta “di Betlemme”, per ricordare la città in cui è nato il Messia. Simboleggia la chiamata universale alla salvezza;
  • la terza è detta “dei pastori”, i primi che videro ed adorarono Gesù. Simboleggia la gioia;
  • la quarta è detta “degli Angeli”, i primi ad annunciare al mondo la nascita del Messia e a vegliare sulla capanna dove è nato il Salvatore. Simboleggia l’Amore.

L’accensione di ciascuna candela indica la progressiva vittoria della luce sulle tenebre dovuta alla sempre più prossima nascita di Gesù.

Fonte del testo: A. Carnino

Di Emerenziana Bugnone

Socia Monastica Novaliciensia Sancti Benedicti, volontaria culturale e accompagnatrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.