Forbici da uva decorate con motivi floreali e un uomo e una donna di alta estrazione

Le forbici da uva, sono nate nell’Ottocento per tagliare i raspi dei grappoli d’uva presentati sulla tavola al momento del dessert.

Sono realizzate in argento, “old Sheffield”, metallo argentato o acciaio, presentano in genere lame corte e di un certo spessore, adatte quindi a recidere i raspi dei grappoli, e un decoro di ispirazione vegetale: nella maggioranza dei casi tralci annodati a grappoli d’uva e pampini, talvolta arricchito da piccole scene di vendemmia con putti, o figure di contadini raffigurati nell’atto di raccogliere grappoli d’uva o di sorseggiare vino da un boccale.

Forbici da uva decorate con grappoli d'uva e foglie di vite
Forbici da uva

Le forbici da uva vennero ideate in Inghilterra in epoca vittoriana e poi si diffusero in Europa, in particolare in Francia. Le rigide “table manners” dell’epoca, richiedevano infatti che i commensali non toccassero il cibo direttamente con le dita e questo diede impulso alla realizzazione di tutta una serie di posate specifiche dedicate agli alimenti più vari, come le pinze per le noci, il cucchiaio per le fragole o la forchetta per il melone, tutti documentati, insieme alle forbici da uva, nei cataloghi delle grandi Esposizioni Universali della seconda metà dell’Ottocento.

Forbici da uva decorate con grappoli d'uva e foglie di vite
Forbici da uva

Palazzo Madama – Torino

Di Emerenziana Bugnone

Socia Monastica Novaliciensia Sancti Benedicti, volontaria culturale e accompagnatrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *