codex rotundus aperto, esempio di libri rotondi miniati

Erano perlopiù testi di devozione popolare cristiana, trasportabili per il loro minuscolo ingombro: basti pensare che alcuni di essi misuravano appena 9 cm. Realizzati su fogli di pergamena, pur miniaturizzati questi libri superavano solitamente le 250 pagine. Il dorso era rilegato in pelle e decorato in oro mentre i bordi, anch’essi dorati, erano talora decorati con fregi.

Misurando appena pochi centimetri, per essere letti dovevano essere tenuti assieme attraverso l’utilizzo di tre fermagli, sui quali spesso venivano incisi monogrammi gotici.

Tra i pochissimi esemplari di antichi codici miniati ritrovati, vi è il “Codex Rotundus”, un libro di preghiere realizzato in tarda età medievale attualmente custodito in Germania presso la Biblioteca della Cattedrale di Hildesheim. Scritto in latino e in francese, il testo consta di 266 pagine e contiene 30 dipinti riferiti a scene religiose. Dalle iscrizioni poste sulla chiusura metallica si è potuto risalire al suo antico possessore: Adolf von Kleve conte di Mark, vissuto tra il 1425 e il 1492.

Codex rotundus chiuso, esempio di libri rotondi
Codex Rotundus

Un altro rarissimo esemplare di codice miniato è stato realizzato sempre in Germania post Medioevo, nel 1590. Questo libro non ha graffe e si apre alla metà sfruttando la larghezza intera delle due mezze pagine. Fu donato al fondatore dell’Università di Wurzburg, il Vescovo Julius Echter von Mespelbrunn, e attualmente è conservato presso la Biblioteca Universitaria di Wurzburg in Baviera.

Libro rotondo del 1590 conservato nella Biblioteca Universitaria di Wurzburg, Baviera
Libro rotondo del 1590 conservato nella Biblioteca Universitaria di Wurzburg, Baviera

Un terzo esemplare di libro rotondo rinvenuto misura 14 centimetri di diametro e 15 mm. Di spessore. La particolarità di questo libricino è che presenta solo due graffe, sfruttando, per la lettura, la larghezza intera delle due mezze pagine. L’interno, preziosissimo, contiene dipinti miniaturizzati di eccellente fattura.

Fonte: Maria Ester Campese, Quarta parete Roma – Gli antichi libri rotondi: scrigni di preziosità

Di Emerenziana Bugnone

Socia Monastica Novaliciensia Sancti Benedicti, volontaria culturale e accompagnatrice.

Lascia un commento