punto vendita abbazia di Novalesa

Sempre più spesso le abbazie, i conventi e i monasteri vengono dotati di un punto vendita in cui i visitatori possono conoscere e apprezzare più da vicino il risultato concreto del lavoro monastico.

In alcuni casi si tratta di piccoli esercizi commerciali, dei veri e propri bugigattoli, con una limitata offerta di prodotti, frutto del lavoro dei monaci. In altri, le dimensioni sono invece ragguardevoli, con tanti scaffali e banconi allineati in vasti ambienti in cui è possibile trovare veramente di tutto, dalle produzioni della comunità monastica a quelle di altre abbazie e monasteri e tanto altro ancora.

È un vero e proprio settore quello dei prodotti monastici, con una tipologia di clientela ben segmentata e affezionata. Collegato fedelmente e senza compromessi alla plurisecolare storia del lavoro nelle abbazie e alle tradizioni che si tramandano da tempo immemore, che sono quasi sempre di origine agricola e artigianale. Se facciamo mente locale, se pensiamo a quello che arriva sulla nostra tavola, e mi riferisco alle più note tipicità, la gran parte è di antica origine monastica: formaggi, vini, ortaggi, olio, miele, ecc. Per non parlare dei prodotti da erboristeria e dell’artigianato religioso.

A Novalesa…

La Bottega del monaco dell’Abbazia non fa eccezione e, pur avendo una storia recente, è uno degli esercizi commerciali più importanti lungo la Via Francigena.

Il negozio è fondamentale nella vita dell’abbazia novaliciense perché rappresenta anche il primo contatto che si ha con i monaci per chi proviene dal mondo. Funge infatti da portineria e punto di accoglienza turistica.

Perchè un punto vendita?

Molti ci chiedono quale sia l’obiettivo di una attività che a prima vista appare lontana dalla vita strettamente monastica, quella della preghiera e della contemplazione tipica di una comunità benedettina, tanto per intenderci.

La visione che sta alla base di questo prezioso servizio è la volontà di condividere, con chiunque ne abbia il desiderio, la tradizione monastica basata sulla regola di San Benedetto “Ora et Labora“. Il monaco benedettino vive del lavoro delle proprie mani per quanto è possibile svolgerlo oggi.

La conseguente missione è prima di tutto quella di fornire al monastero una sicura fonte di reddito per il sostentamento della comunità, delle attività di beneficenza, delle manutenzioni e degli eventuali restauri. Poi è un modo per farsi conoscere e apprezzare, per interagire con le persone, per promuovere l’economia e l’immagine del territorio circostante.

Sono tutti prodotti locali?

Alcuni prodotti che finiscono sugli scaffali della Bottega del Monaco dell’Abbazia di Novalesa sono confezionati dai monaci stessi, pensiamo all’ormai famoso aceto, alle caramelle, ad alcune marmellate. Altri arrivano dai monasteri europei più noti sia della congregazione sublacense-cassinese sia di altri ordini. Altri ancora sono il frutto di una paziente ricerca tra i produttori più affidabili e seri del territorio valsusino e torinese.

Si sostiene e si promuove da una parte il lavoro monastico, dall’altra il territorio circostante attraverso la proposta delle tipicità più conosciute. Come il miele e i suoi derivati ad esempio, che sono sicuramente i prodotti di punta del negozio e di conseguenza i più venduti.

L’offerta merceologica è veramente vasta, vi si trovano con continuità:

  • pubblicazioni e libri sull’Abbazia e su Novalesa, Regole benedettine, testi di meditazione e di spiritualità,
  • prodotti dell’alveare, prodotti per la tavola, liquori,
  • prodotti curativi, cosmetici,
  • articoli per la casa, oggetti artistici in cera d’api, candele profumate, incensi,
  • oggetti d’artigianato e d’arte locale, icone,
  • guide turistiche, libri religiosi in genere ed anche per bambini, medagliette, croci, rosari e altri articoli religiosi.

È disponibile nel sito dell’abbazia, nella pagina del negozio, un catalogo con alcuni prodotti, per chi fosse interessato agli acquisti online o impossibilitato a recarsi di persona a Novalesa.

Per qualsiasi dubbio e informazione, dietro il banco è a disposizione dei visitatori dom Lorenzo, l’anima e il gestore della bottega.

Di Claudio Bollentini

Presidente di Monastica Novaliciensia Sancti Benedicti - https://www.linkedin.com/in/claudiobollentini/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *